Come gestire i pensieri negativi per vivere più felici

Lo ammetto, soffro di pensieri incasinati.

Vivo dei momenti in cui tenere a freno i pensieri negativi è davvero difficile e mettere in ordine la testa è un’impresa titanica.

I pensieri si rincorrono uno dietro l’altro sempre più veloci e senza un filo logico.

Riordinare il mio incasinatissimo armadio sarebbe MOLTO più facile.! Te lo dice una che lo apre e butta dentro i vestiti un po’ come capita.)

Mi sento sopraffatta dalle scadenze, dalle questioni lasciate in sospeso e da quelle che so già non riuscirò mai nemmeno lontanamente portare a termine. 

A quel punto l’ansia inizia a salirmi in gola e si porta dietro i pensieri negativi.

Quando capita  di sentirmi così, MI OBBLIGO a fare un passo indietro e dico “Così non va Fede. Occhio che stai tirando la corda per niente. Cosa vuoi davvero?”.

Ho adottato alcuni stratagemmi per gestire i pensieri negativi che funzionano  piuttosto bene su di me.

In pratica ho associato un aforisma a ogni pensiero negativo. (Alcuni li trovi anche nella nostra pagina FB.)

Li ho chiamati gli “aforismi di controllo” 

Ne utilizzo uno per ognuna di queste situazioni, sei pronta a scoprire quali sono?

1- Per pensieri troppo inquadrati

pensieri negativi e rigidi

“Quando sento di aver bisogno di controllo, in realtà ho bisogno di fiducia in me stessa.” Lisa Olivera

Prendo il mio kit di Emergenza5 e sfodero un “Time Out” (se sei iscritto alla nostra newsletter sai di cosa parlo).

Mi chiedo cos’è davvero importante. Mi ascolto e allora capisco che quando voglio tenere sotto controllo una cosa, per il 99% delle volte, questa non proviene da me.

Sai come si chiama questo circolo vizioso? 

Il “gioco del controllo”: me l’ha insegnato la mia terapista. Rappresenta un modo tossico per proteggersi e alla lunga fa proprio male.

Io ne ero una maga una volta. Questo loop permette (e io glielo permettevo) a delle pressioni esterne di svalutarmi, di volermi meno bene. MAI PIU’! O come dice il mio bambino “Più più, mai mai”. 

2- Per pensieri avvilenti su critiche immeritate

pensieri negativi sulle critiche

“Stand up in my shoes”  (con scarpe indico la mia esperienza di Vita)

So perfettamente che dovrei guardare solo nel mio orto, ma delle volte il parere degli altri (conosciuti o meno) prende il sopravvento. Soprattutto se per criticare usano le parole più adatte o pungenti.

Come supero il malessere? Uso la mente razionale. Eccone qualche esempio

  1. Se una persona che non mi conosce mi scrive una critica online mi ripeto che, proprio per il fatto che non mi conosce, la sua critica cattiva ha meno peso per me.
  2. Nel caso qualcuno che conosco perda tempo a commentare in modo malevolo le mie abitudini, i miei viaggi, il mio disordine, mi ripeto che lui/lei reagisce così solo in base alla sua esperienza, al suo viaggio e al suo percorso. (Con questo non voglio dire che ho la ragione in tasca, ma che siamo diversi. Sai bene quanto io sostenga la diversità e il valore intrinseco nelle persone.) 

3- Quando arriva una punta di ansia da accumulo

“I diamanti sono i migliori amici della donna”, Marilyn Monroe

Quando mi prende una voglia assurda di fare shopping, di comprare in modo compulsivo su internet, faccio due cose.

In primis nascondo la carta di credito 😉

La seconda è quella di prendermi più cura di me stessa. 

Tutta questa smania per acquistare significa che il mio cuore ha bisogno di attenzione. Mi basta un auto massaggio ai piedi, una piccola meditazione, ascoltare una musica che adoro. Tu cosa preferisci? Utilizzi anche tu la Lista del Cuore?! Ne abbiamo parlato qualche tempo fa , ricordi?

4- Per pensieri infelici su rapporti incompresi

pensieri negativi sui rapporti

“Le tue relazioni miglioreranno drasticamente quando accetterai le persone per come sono e non per come vorresti che fossero.” Yung Pueblo

Questa è davvero una lezione di vita. Se non avessi già abbastanza tatuaggi, me la farei disegnare sul dorso della mano! 

La vedrei di continuo e come un mantra mi potrebbe entrare in testa. 

Quante volte vorrei accettare incondizionatamente chi mi sta vicino, invece di proiettare il mio desiderio, la mia immagine su di loro! Almeno quando me ne rendo conto è già un bel passo avanti. 

5- Ahh! La professione che non lascia la mia mente a riposo!

pensieri negativi lavoro

“Tu non sei il tuo lavoro, non ti identifica” Tony Morrison

Non sei il lavoro che fai. Non sei la tua casella di posta elettronica e nemmeno la tua “To do list”. Non ti identifichi con il tuo peggior fallimento e nemmeno col miglior successo.

Non sei la cosa brutta che qualcuno ha apostrofato, ma nemmeno la più buona. 

Siamo troppo abituati a identificarci con quello che facciamo: concludo tanto, allora sono brava! 

Quando la mia vita diventa troppo frenetica, incasinata, mi siedo, prendo il biglietto “Respira” (si, proprio quello di Emergenza 5) , chiudo gli occhi, metto una mano sul cuore e ritrovo la strada del ritorno. Lo ripeto più e più volte.

Devo ricordare a me stessa perché faccio una cosa. Così saprò se conta oppure no. 

Ricordarmi se mi fa sorridere, cosi saprò se è vera. 

Fallo anche tu. Magari lo ricorderai solo per un giorno, allora riprova anche il successivo. Non stancarti mai di ricordare chi sei, cosa ti fa stare bene.

Quando ti ricordi chi sei è più semplice lasciare andare quello che non ti appartiene. Quello che ti porta verso il basso, non supporta la tua vera essenza.

6- Per la mente che si sente colpevole

Pensieri negativi colpevolezza

“You are what you think”

Tu sei quello che pensi. Non vergognarti se ti senti felice, non sentirti in colpa, 

Nemmeno se in un buon momento ti senti stressato. La tua mente sente tutto. 

Lascia andare il tuo senso di colpa e permettiti di provare esattamente quello che senti.

Questa accettazione ti connetterà all’ascolto della realtà a cui non avevi accesso prima. Toglierà tutti quei sentimenti, tra cui il senso di colpa, che non ci facevano spazio. 

Mi piace ricordare ai miei Ospiti di Auraspei una frase “il senso di colpa ha fatto più morti delle guerre”.

Abbandona il senso di colpa per i sentimenti che provi: è un fardello troppo pesante e soprattutto NON SERVE.

Ogni aforisma mi aiuta a creare spazio dentro alla mia testa, a spingere via con gentilezza i pensieri che mi “incasinano”, che mi danno ansia, che sono inutili per me e per il mio benessere.

Ho scelto di essere Vergognosamente Felice, e ho un dovere verso me stessa.

Devo mantenere questa promessa. Perché al di là di tutto, io sono la persona più importante con la quale dovrò vivere per sempre

Quale aforisma senti più vicino? Di quale senti più bisogno?


Le difficoltà della vita ti tolgono tutte le energie?

Iscriviti alla newsletter di Auraspei e scopri Emergenza5:
il metodo per ritrovare equilibrio e calma interiore, nella vita di tutti i giorni.


Ti potrebbero interessare anche: