Differenze tra auricoloterapia riflessogena e auricoloterapia medica

La differenza tra Auricoloterapia medica e Auricoloterapia riflessogena è sostanziale. Nella prima si utilizzano degli aghi applicati SOLO e DURANTE la seduta del MEDICO agopuntore. E’ quindi esclusivamente un medico che può sottoporre il paziente al trattamento (qualsiasi oggetto appuntito o tagliente è utilizzato SOLO in ambito sanitario).

Questa viene utilizzata oltre che per mal di schiena e nevralgie, anche per le curarsi dalle dipendenze (fumo, alcool, droghe, cibo..).

Come funziona l’auricoloterapia

Nell’ Auricoloterapia riflessogena invece, l’operatore olistico applica delle sferette di titanio (o semi di sfere di titanio per auricoloterapia riflessogena a veronavaccaria) al punto da trattare, dopo un’opportuna valutazione.

Queste sferette sono piccolissime e rimangono attaccate al padiglione grazie a un adesivo trasparente o un cerottino color carne.

Questa sferetta, stimolandola in modo opportuno con le dita, permette di continuare il trattamento anche a casa con molteplici risultati.

I benefici dell’auricoloterapia riflessogena, oltre a trattare di riflesso zone del corpo in deficit, permetterà a chi lo riceve di responsabilizzarsi e prendersi cura di sé. Anche senza la presenza costante dell’operatore olistico, sarà in grado di continuare la terapia in completa autonomia durante tutta la giornata e la notte

E’ un trattamento che può essere associato a qualsiasi altra tecnica oppure utilizzato da solo.

Autostimolazione semplicissima

Con il pollice e l’indice della mano si comprimono le sferette più volte possibile durante il giorno (la pressione corretta la insegnerà l’operatore durante il primo trattamento).

Anche il semplice dormire coricati su un fianco (e quindi sull’orecchio da trattare) genera una leggera pressione e quindi porterà un immediato giovamento.

Col passare dei giorni, il fastidio provato durante le ripetute stimolazioni, inizierà a diminuire. Segno che anche il disturbo è in via di miglioramento!

Come funziona l’auricoloterapia riflessogena

Questa tecnica regola le funzioni corporee senza disturbare l’omeostasi. La risposta al trattamento è RAPIDA ed è utile anche a scopo preventivo o di valutazione di altri disturbi.

I campi di applicazione sono molteplici: dal mal di schiena, al mal di testa, ai dolori articolari e stati infiammatori in corso. Arrivando poi a tutti i trattamenti riflessogeni che sfruttano le interazioni delle cinque Trasformazioni (metallo, terra, fuoco, acqua, legno).

Controindicazioni ce ne sono?

Non vi sono controindicazioni assolute, tuttavia si deve prestare attenzione a pazienti con gravi problemi cardiaci, pazienti con gravi malattie organiche e le donne nei primi tre mesi di gravidanza; evitare poi l’applicazione in zone auricolari con eczemi, ulcerazioni, nei (o dove la cute risulti lesa).

Ricordiamoci che anche la più piccola parte del nostro corpo (microcosmo) è strettamente collegata a distretti ben più grandi (macrocosmo) e che sempre dovremmo fermarci ad ascoltare le sensazioni ci arrivano.

Buon trattamento!

Se vuoi sapere un po di storia dell’ auricoloterapia riflessognena?
Leggi questo articolo AURICOLOTERAPIA Cos’è l’auricoloterapia, a cosa serve e quando è nata!


Le difficoltà della vita ti tolgono tutte le energie?

Iscriviti alla newsletter di Auraspei e scopri Emergenza5:
il metodo per ritrovare equilibrio e calma interiore, nella vita di tutti i giorni.


Ti potrebbero interessare anche: