via Roma 4/b, 37030 Lavagno VR

Gratitudine: Come Svilupparla Per Vivere Una Vita Serena

Immagino che tu senta parlare spesso di “provare gratitudine”.

Di quanto questo questa sia un input che migliora le giornate. Di come le faccia scorrere in serenità e soprattutto ti doni una visione diversa di come vedi il mondo.

E’ TUTTO vero. Ogni singola parola.

Ma come sviluppare la gratitudine? 

Ti condivido alcuni spunti, ma sappi che il segreto sta nell’abitudine. Intendo dire, che deve diventare una pratica giornaliera.

Non “costa” nulla in termini economici, e nemmeno in tempo, ma un minimo di impegno, quello sì. Come in tutte le cose che regalano soddisfazione, alla base c’è impegno.

Quindi inizia con il piede giusto.

Cosa significa gratitudine?

La gratitudine, una parola che risuona con calore e positività, è un sentimento che va ben oltre il semplice ringraziare.

Nel contesto del benessere femminile, la gratitudine assume un ruolo cruciale, fungendo da ponte tra l’auto-accettazione e la serenità interiore.

Ma, cosa significa esattamente la gratitudine?

In essenza, è il riconoscimento e l’apprezzamento profondo per le esperienze, le persone e le situazioni che arricchiscono la nostra vita.

Questo sentimento trasformativo non si limita solo a momenti felici; spesso nasce dalla consapevolezza delle difficoltà superate e degli insegnamenti preziosi che ne derivano.

Esprimere gratitudine ci connette con l’essenza della vita, permettendoci di vedere oltre le sfide quotidiane e apprezzare la bellezza nascosta nei piccoli dettagli.

Come praticare gratitudine?

Praticare la gratitudine può trasformare positivamente la nostra vita quotidiana, soprattutto per le donne che affrontano molteplici ruoli e responsabilità.

Ma come si può praticare attivamente questo potente sentimento?

Come vedremo tra poco, inizia con piccoli gesti quotidiani: ringrazia per la nuova giornata, per il cibo che nutre il tuo corpo, o per il sorriso di un amico.

Ogni giorno, dedica alcuni minuti a scrivere ciò per cui sei grata, anche per le piccole cose. Questo esercizio non solo rafforza la tua capacità di riconoscere i momenti positivi ma crea anche un archivio di ricordi felici a cui tornare nei momenti difficili.

Inoltre, la pratica della meditazione e della mindfulness può amplificare la tua capacità di vivere con gratitudine, aiutandoti a concentrarti sul presente e apprezzare ogni momento della vita.

Ma Come sviluppare gratitudine?

Sviluppare un atteggiamento di gratitudine richiede tempo e pratica costante, specialmente in un mondo che spesso enfatizza ciò che manca piuttosto che ciò che abbiamo.

Per iniziare questo percorso, stabilisci un momento della giornata dedicato alla riflessione sulla gratitudine.

Quindi vorrei darti alcuni suggerimenti che ti possono aiutate a iniziare a sviluppare gratitudine

Se sei iscritta alla newsletter di Auraspei sai che adoro scrivere, fin da quando ero piccola. 

Quindi capirai perché ho scelto come primo suggerimento, la mia prima passione: la scrittura.

Diario della gratitudine: 

A Natale dello scorso anno mi e stato regalato un “diario della gratitudine”.

Ogni giorno avrei dovuto scrivere tre cose per le quali ero grata. 

I primi giorni sono stati semplici: la famiglia, gli amici, il lavoro che amo. 

Poi, mano a mano che i giorni passavano, era sempre meno facile trovare cose eclatanti.

Delle quali essere grata. Perché sbagliavo dove “guardare”.

Così ho iniziato a lavorare di fino. 

Nel senso di cercare le piccole cose. Poteva essere il colore dell’alba, un fiore appena sbocciato, un caffè offerto da un collega simpatico.

Devo dire che una volta iniziato è stato divertente e soprattutto soddisfacente proseguire. Così puoi spaziare dalle esperienze, alle relazioni: scegliendo le cose più semplici.

Infatti.

Focalizzati sui dettagli: 

Questo è il segreto.

Quando rifletti sulla tua giornata, cerca i dettagli. 

Non solo dire “sono grata per la mia famiglia” (come facevo io all’inizio), ma piuttosto “sono grata per il bacio bavoso e sincero di mio figlio oggi.“.

Esprimi la gratitudine agli altri:

Mi sono accorta di quanto mi faccia piacere venire ringraziata per qualcosa che ho fatto. 

Mi valorizza. E come valorizza me, fa piacere anche agli altri che venga espressa gratitudine nei loro confronti. 

Se ci fai caso, siamo talmente abituati ad andare avanti per inerzia, che tutto ciò che compiamo è dato per scontato. 

La svolta sta che impari a non dare nulla per scontato e ringraziando (o apprezzando) ogni volta che ti è possibile.

Condividi la gratitudine: rafforza i legami e diffonde positività.

Crei, in questo modo, un’atmosfera di apprezzamento con coloro che ti circondano. 

Diventa davvero uno scambio prezioso.

Pratiche Mindfulness: 

Durante le attività quotidiane, prenditi un momento per apprezzare appieno ciò che stai facendo.

Sia che tu stia mangiando, camminando o lavorando, sii consapevole del momento presente. In questo caso intendo proprio il “qui e ora”, dove sei concentrata su un’attività alla volta. Assorbendo ogni gesto e dandogli la giusta importanza.

Questa è la consapevolezza.

Ricorda le sfide superate: 

Aver superato un’esperienza difficile o un momento doloroso, è un ricordo indelebile. 

La resilienza e il coraggio che hai dimostrato affrontando quelle situazioni vanno riconosciute. Devi essere grata per come hai gestito e per come sei cresciuta.

I benefici della gratitudine

Devi sapere che i benefici della gratitudine sono ampiamente riconosciuti in vari studi:

La gratitudine migliora le relazioni sociali e promuove l’altruismo. Motiva i beneficiari a ricambiare i benefattori e a estendere la generosità a terzi, giocando un ruolo unico nell’evoluzione sociale umana (McCullough, Kimeldorf, & Cohen, 2008).

Un atteggiamento grato migliora significativamente il benessere psicologico e fisico. Gli studi mostrano un benessere aumentato in individui che si concentrano consapevolmente sulle benedizioni, influenzando i loro benefici emotivi e interpersonali (Emmons & McCullough, 2003).

La gratitudine è legata alla formazione e al mantenimento delle relazioni. Nasce dalla percezione della reattività del benefattore e predice i risultati futuri delle relazioni (Algoe, Haidt, & Gable, 2008).

Neurologicamente, la gratitudine correla con l’attività in regioni cerebrali associate al ragionamento morale, al giudizio di valore e alla teoria della mente (Fox, Kaplan, Damasio, & Damasio, 2015).

La gratitudine è positivamente associata a vari aspetti del benessere soggettivo, tra cui affetto positivo, soddisfazione della vita, ottimismo, supporto sociale e comportamento prosociale, e negativamente relazionata ai sintomi fisici (Froh, Yurkewicz, & Kashdan, 2009).

Le revisioni meta-analitiche confermano una correlazione positiva moderata tra gratitudine e prosocialità, specialmente nei contesti di interazioni reciproche e dirette (Ma, Tunney, & Ferguson, 2017).

Gli interventi educativi che insegnano la gratitudine possono aumentare la consapevolezza e portare a un aumento delle espressioni di gratitudine, migliorando così il benessere e il comportamento sociale dei bambini (Froh, Bono, Fan, et al., 2014).

Insomma la gratitudine gioca un ruolo significativo nel migliorare le relazioni sociali, il benessere psicologico e il comportamento prosociale. È profondamente radicata nell’evoluzione sociale umana e ha effetti positivi in vari aspetti della vita.

Per concludere vorrei salutarti con il mio ultimo consiglio per te:

Guarda il lato positivo:

Anche nelle situazioni difficili, il lato positivo c’è SEMPRE.

(L’ho trovato nella morte dei miei genitori, nella mia depressione. Nonostante il dolore, queste esperienze, mi hanno spronato a una profonda ricerca di benessere interiore. E sono quella che sono adesso proprio grazie a queste)

Praticando la gratitudine regolarmente, puoi sviluppare una prospettiva più positiva sulla vita e aumentare il tuo senso di apprezzamento per ciò che hai.
Ci vuole coraggio e accettazione anche quando senti che non ce la fai più. 

In quel momento, anche facendosi aiutare (come nel mio caso), puoi trovare dentro di te degli strumenti inestimabili. 

Questi strumenti resteranno con te, per tutta la tua esistenza.

Sostenendoti anche nelle altre prove (perché ce ne saranno sempre, come puoi immaginare) che la vita ti mette davanti.

Questo articolo ti è utile? Condividilo con una persona che ami:
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Ritrova Benessere, Equilibrio e Calma Interiore nella vita di tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter Vergognosamente Felice e ricevi l’Elisir della Felicità : i 5 ingredienti per vivere sereni e felici.

Pronta a ritrovare equilibrio e calma interiore nella tua vita?

Ricevi l'elisir della felicità